Sono iniziati i corsi di formazione sull’utilizzo dei GPS

Con incontri serali presso la sala riunioni del Coordinamento a Fossano, la TLC Cuneo organizza la formazione dei volontari sull’utilizzo dei GPS da utilizzare per la ricerca di persone scomparse, l’individuazione e per seguire gli spostamenti di squadre impegnate in emergenze.

Il corso è suddiviso in due momenti: si inizia con una sessione teorica sul funzionamento degli apparati, seguita da una prova pratica degli stessi.

I corsi serali, della durata di due ore, hanno come obiettivo di formare circa 350 volontari, entro il mese di settembre 2018.

L’utilizzo in emergenza

Il Coordinamento del Volontariato di Protezione Civile mette a disposizione 10 apparati Garmin ETREX 35 Touch scelti perché compatibili con i dispositivi utilizzati da Vigili del Fuoco e Soccorso Alpino.

In caso di attivazione, i capi squadra e vice formati all’utilizzo dei GPS riceveranno dalla TLC un apparato radio e il dispositivo.

Il GPS sarà quindi utilizzato per raggiungere l’area di ricerca, mentre la radio garantirà il collegamento continuo fra la squadra di ricerca e la sala operativa.

 

Impiego del Volontariato in occasione di eventi a rilevante impatto locale

 

Secondo l’articolo 17, i Comuni che organizzano eventi a elevato impatto locale possono chiedere l’intervento dei volontari di Protezione Civile per svolgere le seguenti mansioni:

  • assistenza, supporto e informazione alla popolazione nel corso dell’evento
  • controllo delle vie di fuga previste dal piano speditivo
  • supporto alla Polizia Municipale unicamente per informare la cittadinanza sulla viabilità alternativa
  • distribuzione di generi di conforto alla popolazione

Come sempre, ricordiamo che i compiti di controllo e direzione del traffico non possono e non devono essere affidati ai volontari di Protezione Civile.

Come richiedere l’intervento dei Volontari

Per richiedere l’impiego dei volontari sono obbligatori i seguenti presupposti:

  • dichiarazione di “Evento a rilevante impatto locale” da parte dell’autorità comunale
  • insediamento e operatività del Centro Operativo Comunale (C.O.C) mediante l’attivazione delle funzioni di supporto necessaria e, se del caso, anche in forma virtuale e/o decentrata sul territorio in relazione alla portata dell’evento
  • individuazione dell’Ufficio e/o servizio comunale e il soggetto interno all’Amministrazione Comunale quale incaricato del coordinamento delle attività preparatorie all’evento e, in particolare, del coordinamento delle varie componenti volontarie coinvolte
  • predisposizione di un adeguato piano speditivo sull’impiego del volontariato
  • l’ente promotore dell’iniziativa (sia privato che pubblico) deve concorrere al rimborso delle spese sostenute dal volontariato.

Rispettando le precedenti norme, l’amministrazione comunale può:

  • attivare unicamente il proprio gruppo comunale o le organizzazioni di volontariato con cui ha rapporti di convenzione e iscritte nell’elenco territoriale della Regione Piemonte
  • richiedere l’intervento alla Regione Piemonte l’attivazione delle organizzazioni di Protezione Civile a livello provinciale e/o regionale, nel caso in cui il gruppo locale non dovesse bastare.

Documentazione

Per maggiori informazioni scarica i seguenti file:

Mezzi per la Protezione Civile, il bando della Fondazione CRT

Sabato 15 marzo 2018 scadrà il termine per la presentazione della domanda per partecipare al bando promosso dalla Fondazione CRT per l’acquisto di automezzi per il trasporto di persone e attrezzature per la Protezione Civile, per un importo totale di mezzo milione di euro.

Il bando è rivolto alle organizzazioni di volontariato non-profit di Piemonte e Valle d’Aosta e la domanda può essere presentata dai gruppi comunali e intercomunale che rispettano i requisiti previsti dal bando.

Il Presidente della Fondazione CRT Giovanni Quaglia afferma che:

da ben 15 anni siamo al fianco della nostra Protezione civile, divenuta un’eccellenza a livello nazionale anche grazie all’impegno forte e capillare della Fondazione CRT per la tutela dell’ambiente e delle persone. Le parole d’ordine che ci guidano sono salvaguardia del territorio e sinergia con tutti i soggetti coinvolti, dalle organizzazioni di coordinamento ai piccoli gruppi di volontari presenti nelle realtà locali.

Allo stesso modo, il Segretario Generale della Fondazione CRT Massimo Lapucci dichiara che:

Ogni contributo per l’acquisto di ciascun mezzo è un passo in avanti sia sul fronte della prevenzione dei rischi naturali o legati alle attività dell’uomo, sia sul fronte del pronto intervento. I nuovi veicoli, infatti, permetteranno alle organizzazioni dei volontari di rafforzare il monitoraggio di un territorio fragile e complesso come il nostro e, nello stesso tempo, potranno essere integrati alla Colonna mobile della Protezione civile per le operazioni di soccorso e assistenza in caso di emergenza.

La Fondazione CRT è da molto tempo ormai sostenitrice dell’operato di Protezione Civile: dal 2003 a oggi ha già destinato oltre 20 milioni di euro alle associazioni di Piemonte e Valle d’Aosta.

Grazie ai finanziamenti della Fondazione CRT, è stato possibile:

  • l’acquisto di 470 veicoli per il trasporto di persone e attrezzature (5,3 milioni di euro di contributi)
  • la realizzazione di 940 interventi per difendere il suolo da alluvioni e frane nei Comuni con meno di 3.000 abitanti (9,2 milioni di euro)
  • la costituzione della Colonna mobile regionale di Protezione civile (5,5 milioni di euro)

Infine, ricordiamo che la Fondazione CRT ha recentemente destinato un contributo straordinario di 250.000 euro per la manutenzione del parco-mezzi e l’acquisto di un veicolo speciale per la Colonna mobile.

Per maggiori informazioni sul bando e per scaricare la modulistica necessaria alla presentazione della domanda clicca quiwww.fondazionecrt.it.