Operazione “bogianen”

Operazione "bogianen"

Operazione “bogianen”

Il Coordinamento Territoriale del Volontariato di Protezione Civile di Cuneo ha preso parte attiva all’esercitazione del 32° Reggimento Genio dell’Esercito di stanza a Fossano, allestendo un campo profughi per accogliere ipotetici sfollati da zone di guerra.

Il campo profughi, organizzato con tende gonfiabili, container, uffici, cucine, centro medico e veterinario, servizi igienici, acqua e luce completava il corridoio umanitario previsto nell’esercitazione.

Altra importante attività delle squadre specializzate della Protezione Civile è stata quella di collaborare alla ricerca di un figlio di profughi disperso lungo il corridoio umanitario.

La Colonna Mobile del Coordinamento di Fossano è partita, scortata da mezzi dell’esercito (si supponeva che tutta l’area potesse essere a rischio), alle ore 08,00 per raggiungere la zona di esercitazione prevista all’interno dell’ex polveriera a Salmour (Cn).

Il Coordinamento di Protezione Civile ha schierato i Gruppi Speciali per meglio accogliere i profughi; erano presenti il Gruppo degli psicologi, farmacisti, medici e infermieri, il Gruppo Cinofili e Veterinari, il gruppo TLC per le comunicazioni via radio, oltre al personale di segreteria e gestione operativa.

Per garantire la sicurezza dell’area coinvolta, il nucleo di Protezione Civile degli ex carabinieri ha costantemente pattugliato il campo e il corridoio umanitario, entrambi sorvegliati anche dal volo della squadra droni della Protezione Civile.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.