L’Adunata più bella

Il commento della Protezione Civile Provinciale

Oltre 5.000 ore di lavoro nei mesi precedenti, in particolare per la sistemazione delle aree riservate alle tende.

Poi l’11, 12 e 13 maggio, 800 volontari in servizio, con l’impiego di 70 mezzi.

Nell’80° Adunata Nazionale degli Alpini ha svolto un ruolo importante il Coordinamento Provinciale di Cuneo della Protezione Civile, presieduto da Roberto Gagna.

Nei tre giorni del Raduno – spiega Gagna – l’impegno è stato enorme.

Si è trattato di gestire una vera e propria emergenza anche se programmata e, quindi, con parecchi vantaggi ed i tempi per potersi attrezzare.

Ci siamo dedicati ai parcheggi dei bus, a quelli per le auto, agli attendamenti, al supporto sanitario.

Inoltre, abbiamo partecipato alle Sale Operative ed, insieme alle Forze dell’Ordine, ci siamo occupati dei filtri della viabilità.

Il bilancio?

Dal nostro punto di vista è molto positivo, perchè la macchina organizzativa ha funzionato bene. Grazie al fatto che il Coordinamento Provinciale di Cuneo può contare su un numero elevato di volontari, è la prima volta che, ad un’Adunata, non vengono precettate persone da altre Regioni.

Anzi, siamo anche riusciti a garantire l’isolamento della zona Lannutti, interessata da un incendio proprio in quei giorni.

Il momento più difficile?

Le prime ore della domenica mattina, quando c’è stato un poco di affanno.

Il momento più emozionante?

Quando abbiamo sfilato. Alle sette di sera non mi aspettavo così tante persone lungo il percorso ed affacciate ai balconi.

Mi sono commosso.

E’ stata costruita un’organizzazione favolosa ed è un vero peccato che, adesso, si debba sciogliere.

L’Adunata di Cuneo è stata…

Una delle più belle degli ultimi venti anni.

Anche il deflusso della sera della domenica, che poteva rappresentare l’aspetto maggiormente critico, grazie al coordinamento dal comandante della Polizia Municipale, Giraudo, ed alle Forze dell’Ordine, non ha provocato problemi.

I ringraziamenti?

A tuti i miei uomini, che hanno dato veramente tanto in termini di impegno e di professionalità.

Scarica il .pdf dell’articolo originale: clicca qui.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.